Bucatini con le Sarde

Bucatini con le Sarde

Ingredienti:

 

La pasta con le sarde (pasta chî sardi in siciliano) è un piatto tipico della cucina Siciliana, inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf).

In origine è un piatto stagionale: si può preparare da marzo a settembre periodo in cui si trovano al mercato le sarde fresche ed è possibile raccogliere nei campi il finocchio selvatico.

Esistono molte varianti; Una tra le più importanti è la pasta con le sarde alla trappitara, ricetta gelosamente custodita da famiglie marinare di Trappeto (PA).

 

Ricetta:

 

  • 400 G Pasta Tipo Bucatini
  • 600 G Sarde Freschissime
  • 500 G Finocchietto Selvatico
  • 1 Cucchiaio Uvetta Sultanina
  • 1/2 Cucchiaio Pinoli
  • 1 Cucchiaio Mandorle
  • 5 Filetti D’acciughe Sott’olio
  • 80 G Olio D’oliva Extra-vergine
  • 1 Cipolla Grande
  • Alcuni Stigmi Zafferano

 

Togliere testa, interiora e lisca alle sarde (ma il vostro pescivendolo forse lo fa per voi), aprendole a libro.

Levare la pelle e sciacquarle rapidamente.

Pelare le mandorle (in ogni caso consiglio di comprare sempre mandorle da pelare, piuttosto che quelle già pelate, perché queste sono pulite con macchinari che tolgono profumo – basta buttarle per pochi istanti in acqua bollente, e la pelle vien subito via), tostarle in un pentolino antiaderente mescolando di continuo, quindi tritarle.

Ammollare l’uvetta.

Staccare le foglie del finocchietto dai gambi, e lessarle per 15/20 minuti in acqua salata.

Scolarle con la schiumarola, conservando l’acqua di cottura.

Gettare la parte più dura dei gambi e conservare il resto, tagliuzzando finemente.

Tritare la cipolla e soffriggerla nell’olio.

Quando comincia a colorire, unire i gambi del finocchietto e proseguire la cottura per un paio di minuti.

Quindi unire i filetti d’acciughe, lasciandoli disfare, l’uvetta strizzata e i pinoli.

Unire ancora le sarde, cuocendo per 6/7 minuti a fuoco vivace, in modo che si disfino anch’esse.

Tritare il finocchietto bollito, e unirlo al sugo.

Aggiustare di sale e unire una puntina di zafferano sciolto in un mestolo dell’acqua dove si era bollito il finocchietto.

Lasciare sul fuoco altri 2 minuti.

La consistenza dovrà essere piuttosto morbida.

Lessare i bucatini nell’acqua conservata, e scolarli bene al dente.

Unirli alla salsa, e terminare la cottura.

Nei piatti spolverizzare con le mandorle tritate.